Microspie

Microspie

La microspia è un dispositivo elettronico costituito solitamente da un microfono e da un trasmettitore capace di intercettare conversazioni vocali e ritrasmetterle attraverso le onde radio (radiofrequenza).

Strumento indispensabile per chi svolge indagini estremamente riservate o, nei limiti previsti dalla legge, per chi tenta di risolvere casi ...

La microspia è un dispositivo elettronico costituito solitamente da un microfono e da un trasmettitore capace di intercettare conversazioni vocali e ritrasmetterle attraverso le onde radio (radiofrequenza).

Strumento indispensabile per chi svolge indagini estremamente riservate o, nei limiti previsti dalla legge, per chi tenta di risolvere casi abbastanza problematici; viene solitamente posto in vicinanza delle persone per ascoltarne le conversazioni. Estremamente semplice da utilizzare anche per chi non ha particolari competenze, si può occultare ovunque e in modo assai veloce senza destare alcun sospetto, i nascondigli sono veramente infiniti: in un bottone, in una penna, in un vaso, in un telefono, in auto, sotto un tavolo ecc.

Le microspie presentano caratteristiche molto differenti tra di loro, si va dal semplice ascolto della voce (microspia audio), alla trasmissione del video; l'evoluzione della tecnologia ha permesso la realizzazione di differenti funzioni quali:

  • VOX: consente di trasmettere solo quando nell'ambiente sorvegliato sono presenti voci o rumori, consentendo così di allungare la durata delle batterie e ridurre il rischio di intercettazione tramite un rilevatore di microspie.
  • Controllo remoto: consente di attivare e disattivare la microspia tramite un comando remoto (telecomando), così da poter disattivare la trasmissione quando la zona controllata è sottoposta a bonifica, quindi rendere non rintracciabile il segnale e dunque il luogo in cui è installata la microspia.
  • Scrambler: sistema di codifica della trasmissione; tale tecnica rende indecifrabile la trasmissione a chiunque cerchi di ascoltare il segnale trasmesso della microspia. Solo chi possiede il ricevitore con la chiave di decodifica può ascoltare la trasmissione in chiaro.
  • Attivazione con timer: per stabilire se in un veicolo è presente una microspia collegata all'alimentazione, si utilizza la tecnica di misurare l'assorbimento del mezzo quando lo stesso non è in funzione; in condizioni normali l'assorbimento è nullo, in presenza di una microspia sarà rilevato il relativo consumo di corrente. Per effettuare tale misura è necessario scollegare la batteria per interporre un amperometro (strumento di misura assorbimento); alcune sofisticate microspie dispongono di un dispositivo che rileva la disconnessione della batteria e mette in stand-by il circuito della microspia stessa per un tempo predefinito, così da non risultare durante la misura dell'assorbimento di corrente.

Le dimensioni ed i modelli delle microspie sono innumerevoli: il mercato offre ampia possibilità di scelta, si va dalla microspia di ridottissime dimensioni utile per essere occultata ovunque nella maniera più agevole e secondo le proprie esigenze, a quella dalle dimensioni leggermente più grandi ma con funzioni altamente sofisticate.

L'autonomia della microspia dipende dall'assorbimento di corrente della stessa e dalla capacità della batteria utilizzata, ma, se viene collegata alla corrente elettrica, l'autonomia è ovviamente illimitata.

Il segnale trasmesso può essere ascoltato tramite un ricevitore dedicato o tramite un classico scanner di radiofrequenza.

Di più

Microspie  Ci sono 10 prodotti.

Sotto-Categorie

  • Microspie GSM

    Le microspie GSM sono i dispositivi elettronici utilizzate nell’intercettazione ambientale, nel controllo dei sistemi di sorveglianza e di sicurezza, che funzionano sfruttando lo standard Global System for Mobile Communications (GSM) della telefonia mobile cellulare, conosciuto e usato, per le telecomunicazioni, in tutto il mondo. Le microspie di tipo GSM permettono di ascoltare conversazioni senza limiti di distanza e di portata grazie al fatto che nella microspia è implementata, al suo interno, una schedina SIM che può essere chiamata da cellulare o da telefono fisso. Naturalmente l’ascolto delle conversazioni che avvengono nell’ambiente (ufficio, negozio, casa, auto, veicoli, ecc.) in cui si trova la microspia sarà possibile solo a chi conosce il numero della SIM nascosta nella microspia GSM stessa, in qualsiasi luogo della terra si possa trovare. Il principale punto di forza delle microspie GSM è dato dalla capacità di avere reso infinito il raggio d’azione di un dispositivo microspia, che nell’accezione classica del termine rimanda a contesti in cui si doveva essere a breve distanza da dove la microspia era nascosta per poter ricevere l’audio trasmesso.

    I punti di forza della Microspia GSM sono:

    a) la miniaturizzazione spinta che consente l’occultamento in posti anche i più impensabili ( abiti, oggetti personali, mouse, documenti di carta o elettronici ecc.);

    b) l’autonomia di molte ore di funzionamento grazie al basso consumo, di livello simile allo stand-by anche quando è in modalità di trasmissione;

    c) la tecnologia di ascolto GSM che ha annullato qualsiasi distanza;

    d) gli eventuali accessori software che, nelle diverse tipologie esistenti di microspie GSM, permettono di ascoltare non solo l’audio captato, ma anche di vedere e guardare a qualsiasi distanza.

    I principali campi d’impiego delle microspie GSM sono quelli delle intercettazioni ambientali , della sorveglianza e dei sistemi di controllo in remoto di ambienti (uffici, veicoli, case ecc.).

    Le intercettazioni ambientali, grazie all’uso delle microspie GSM possono essere effettuate a qualsiasi distanza e quindi in qualsiasi posto sulla terra. Una microspia GSM quindi rappresenta uno strumento indispensabile e professionale per tutte le componenti legali che sono autorizzate ad intercettazioni ambientali quali le Forze di polizia giudiziaria, Carabinieri e per la sorveglianza a distanza della propria casa, ufficio o altro ambiente si desideri avere sempre sotto controllo. I campi di impiego delle microspie rientrano in contesti legittimi quando attinenti a scelte private di sorveglianza e controllo di sicurezza dei propri ambienti di lavoro o di vita, così come legale è l’uso autorizzato dell’impiego di microspie GSM per chi deve reperire delle prove di indagine, ma si sa che esiste anche un uso illegale di questa tipologia di strumenti. Le microspie possono essere utilizzate per captare segreti industriali o informazioni e conversazioni riservate in contesti economici, finanziari, politici ecc.

  • Microspie UHF/VHF

    Una microspia ambientale radio analogica o cimice spia consiste in un piccolo microfono spia, collegato ad un micro trasmettitore radio che raccoglie i segnali audio intorno a sé e li trasmette verso un ricevitore radio posizionato ad una distanza che, a seconda della potenza del microtrasmettitore presente all'interno della microspia, può variare tra alcune decine di metri ad alcuni chilometri e deve essere sintonizzato sulla stessa frequenza. Le nostre microspie ambientali radio possono inoltre essere dotate di circuito VOX, che permette la trasmissione dei dati solo quando nell'ambiente sorvegliato sono presenti voci o rumori, consentendo così di allungare la durata della vita delle batterie e di ridurre il rischio di intercettazione tramite un rilevatore di microspie. Inoltre, le microspie radio possono essere dotate di un controller remoto (telecomando) che consente di attivare e disattivare le microspie radio in modo da renderle non rintracciabili nel caso in cui la zona controllata fosse sottoposta a bonifica.

  • Ricevitori
Mostrando 1 - 10 di 10 elementi
Mostrando 1 - 10 di 10 elementi